“Duran adam” dei Radicali di fronte al Viminale

duran adam 25 luglio 2013Oggi, con Mario Staderini, Michele De Lucia, Marco Cappato, Simone Sapienza, Marco Perduca, Rocco Berardo, Caterina Caravaggi, Antonella Soldo, siamo andati di fronte al Ministero dell’Interno per chiedere conto di una richiesta che abbiamo inviato già il 5 luglio scorso in merito alla disponibilità (prevista per legge) dei Comuni d’Italia a far firmare i referendum radicali e a quella (sempre prevista per legge) degli autenticatori, necessari per certificare la proposta referendaria. L’abbiamo fatto con una silenziosa mobilitazione nonviolenta “alla turca” (“Duran adam”: persone ferme, in piedi). Era presente Radio Radicale che ne ha dato diffusamente notizia alle ore 14 (anche intervistandomi), nonché una troupe del Fatto Quotidiano Tv che ha realizzato un video.

Annunci

2 thoughts on ““Duran adam” dei Radicali di fronte al Viminale

  1. Referendum: ‘duran adam’ radicale davanti al Viminale

    ‘Mancano autenticatori perche’ istituzioni inadempienti’ (ANSA) – ROMA, 25 LUG – Questa mattina, una delegazione referendaria si e’ recata presso il Ministero dell’interno per chiedere una risposta alla lettera del 5 luglio con cui si denunciavano i rischi per la raccolta firme a causa del fatto che “le Istituzioni non garantiscono un adeguato servizio pubblico di autenticazione delle firme dei cittadini, impedendo o limitando in molte citta’ la raccolta delle 500 mila firme necessarie per i referendum”. I Radicali hanno atteso per un’ora rimanendo in piedi sotto il sole con in mano i moduli dei referendum e le penne, avendo al collo dei cartelli con i nomi delle tante citta’ dove i cittadini non riescono a fare i banchetti per la raccolta firme a causa dell’assenza di autenticatori. Una presenza nonviolenta ispirata al “duran adam” -in turco stare fermi in piedi- di piazza Taksim. Tra le richieste avanzate al Ministero dell’interno quella di informare e sensibilizzare le centinaia di migliaia di funzionari e di amministratori locali del loro essere autenticatori, nonche’ l’informazione ai cittadini, attraverso i siti istituzionali dei Comuni e i telegiornali della Rai, della possibilita’ di firmare presso le segreterie comunali. Dopo essere stati invitati a rimuovere i cartelli, i Radicali sono stati ricevuti dai responsabili dell’Ufficio servizi elettorali, che si sono impegnati a sensibilizzare i Comuni e le Province per garantire un adeguato servizio di autenticazione anche al di fuori degli uffici comunali. Mario Staderini e Michele De Lucia, segretario e tesoriere di Radicali italiani, al termine dell’incontro hanno espresso “soddisfazione per l’interlocuzione tecnica avuta con i funzionari del Ministero, consideriamo un primo passo avanti l’impegno preso rispetto ad alcune delle nostre richieste. La gravita’ della situazione, pero’, richiede l’assunzione da parte del Ministro Alfano della responsabilita’ istituzionale di garantire in concreto e con determinazione i diritti civili e politici dei cittadini che sono stati negati in questo primo mese di campagna referendaria. Non c’e’ tempo da perdere, se non arriveranno iniziative adeguate torneremo davanti alle sedi istituzionali con i moduli e le penne che attendono gli autenticatori per raccogliere le firme secondo legge”. (ANSA). PH 25-LUG-13 15:36 NNNN

  2. Referendum/ Protesta ‘alla turca’ Radicali davanti al Viminale

    ‘Duran adam’ contro carenza autenticatori firme e informazioni Roma, 25 lug. (TMNews) – Questa mattina, una delegazione referendaria si è recata presso il Ministero dell`interno per chiedere una risposta alla lettera del 5 luglio con cui si denunciavano i rischi per la raccolta firme a causa del fatto che “le Istituzioni non garantiscono un adeguato servizio pubblico di autenticazione delle firme dei cittadini, impedendo o limitando in molte città la raccolta delle 500 mila firme necessarie per i referendum”. I Radicali hanno atteso per un`ora rimanendo in piedi sotto il sole con in mano i moduli dei referendum e le penne, avendo al collo dei cartelli con i nomi delle tante città dove i cittadini non riescono a fare i banchetti per la raccolta firme a causa dell`assenza di autenticatori. Una presenza nonviolenta ispirata al “duran adam” -in turco stare fermi in piedi- di piazza Taksim. Tra le richieste avanzate al Ministero dell`interno quella di informare e sensibilizzare le centinaia di migliaia di funzionari e di amministratori locali del loro essere autenticatori, nonché l`informazione ai cittadini, attraverso i siti istituzionali dei Comuni e i telegiornali della Rai, della possibilità di firmare presso le segreterie comunali. Dopo essere stati invitati a rimuovere i cartelli, i Radicali sono stati ricevuti dai responsabili dell`Ufficio servizi elettorali, che si sono impegnati a sensibilizzare i Comuni e le Province per garantire un adeguato servizio di autenticazione anche al di fuori degli uffici comunali. Mario Staderini e Michele De Lucia, segretario e tesoriere di Radicali italiani, al termine dell`incontro hanno espresso “soddisfazione per l`interlocuzione tecnica avuta con i funzionari del Ministero, consideriamo un primo passo avanti l`impegno preso rispetto ad alcune delle nostre richieste. La gravità della situazione, però, richiede l`assunzione da parte del Ministro Alfano della responsabilità istituzionale di garantire in concreto e con determinazione i diritti civili e politici dei cittadini che sono stati negati in questo primo mese di campagna referendaria. Non c`è tempo da perdere, se non arriveranno iniziative adeguate torneremo davanti alle sedi istituzionali con i moduli e le penne che attendono gli autenticatori per raccogliere le firme secondo legge”. Tor 251647 lug 13

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...