RADICALI ROMA: LETTERA APERTA AI DEMOCRATICI PER SOSTENERE RICCARDO MAGI E FERMARE LA MANOVRA D’AULA IN CAMPIDOGLIO

riccardo magiCare compagne e cari compagni Democratici,

dopo anni in cui a Roma è stato difficile per il Consiglio comunale, e persino per il Parlamento, conoscere la reale entità del debito della Capitale e l’attività della Gestione commissariale, nell’aprile scorso il commissario Massimo Varazzani ha depositato una relazione in cui, oltre a registrare la riduzione del disavanzo di oltre 13 miliardi, ha indicato come necessario l’aumento del contributo di almeno altri 200 milioni l’anno. Come sapete, già oggi molti servizi essenziali per disabili e anziani sono stati sospesi a causa della mancanza delle risorse destinate nei municipi. Una situazione di sfascio che impone di rompere una volta per tutte con i metodi e le logiche del passato.
Toccherà pagare il conto ai romani, con un nuovo aumento dell’Irpef, o a tutti gli Italiani, con un trasferimento del debito capitolino direttamente nel debito pubblico statale.

In questa drammatica situazione, a poche ore dalla discussione sulla delibera principale del bilancio di Roma Capitale, non abbiamo ancora la certezza di essere riusciti, con la denuncia di Riccardo Magi, consigliere Radicale eletto nella lista civica Marino, a interrompere la pratica della “manovra d’aula”, con cui i consiglieri distribuiscono fondi sui “propri” territori. Un obolo ragguardevole, che ha raggiunto l’ultima volta, secondo Sergio Rizzo, le dimensioni di 15 milioni di euro. Le cifre in oggetto – come raccontano diverse testimonianze e lo stesso articolo sul Corriere della Sera – “vengono raggruppate in un maxi-emendamento di giunta o di commissione Bilancio (i termini per la presentazione dei singoli consiglieri sono scaduti) e poi destinate attraverso gli assessorati”. È così che da anni ogni consigliere può continuare a finanziare il suo bacino elettorale, truccando di fatto il gioco democratico e impedendo, anche agli altri candidati dello stesso partito, una reale competizione elettorale.

L’appello che vi rivolgiamo, in quanto prima forza politica di Roma e in quanto compagni democratici, è di aiutarci a dare seguito alla più importante promessa del sindaco “cambiamo tutto!”, chiedendo innanzitutto ai vostri consiglieri comunali di non fare come l’orchestra sul Titanic, che continua a suonare mentre la nave va a sbattere.
Su tutti i comuni e le regioni si ripercuote la crisi nazionale, ma al contempo i comuni e le regioni, con la loro gestione, producono debito e crisi erogando servizi di un livello inaccettabile. Se quindi i consiglieri continueranno a utilizzare lo strumento della manovra d’aula per finanziare attività – alcune magari anche lodevoli – a loro discrezione, sarà impossibile cambiare modo di fare politica ed evitare di portare il Comune e la città al naufragio.

Ora Magi rischia l’isolamento politico, nonché umano da parte di quei colleghi – certamente non tutti – più inclini al “così fan tutti”. Interrompere l’ennesima prassi spartitoria di risorse pubbliche in seno alla politica comunale, regionale e nazionale è un dovere innanzitutto morale di chi voglia davvero dirsi democratico, soprattutto nell’attuale situazione di grave default economico e in un momento storico in cui le campagne elettorali e le dichiarazioni dei candidati alle cariche istituzionali sono ricolme di virtuosi richiami alla trasparenza, all’onestà, alla legalità, per poi concretizzarsi in vecchie, sedimentate pratiche di malagestione del denaro pubblico e di autofinanziamento che negano questi principi.

In molti vi risponderanno – come hanno già fatto – che è “da sempre” nelle loro prerogative di consiglieri comunali. È nelle vostre, nostre prerogative, chiedere che ci si renda conto della situazione e finalmente si cambi.

Paolo Izzo,
Segretario Radicali Roma

Gionny D’Anna
Tesoriere Radicali Roma

Annunci

3 thoughts on “RADICALI ROMA: LETTERA APERTA AI DEMOCRATICI PER SOSTENERE RICCARDO MAGI E FERMARE LA MANOVRA D’AULA IN CAMPIDOGLIO

  1. Roma: Radicali a Pd Comune, “fermiamo manovra d’aula”

    “No a ennesima prassi spartitoria e’ dovere morale” (ANSA) – ROMA, 4 DIC – “Fermiamo la manovra d’aula”. Questo l’invito di Paolo Izzo e Gionny D’Anna, rispettivamente segretario e tesoriere dei Radicali Roma, ai “democratici del consiglio comunale della Capitale”. “Nell’aprile scorso il commissario Massimo Varazzani ha depositato una relazione in cui, oltre a registrare la riduzione del disavanzo di oltre 13 miliardi, ha indicato come necessario l’aumento del contributo di almeno altri 200 milioni l’anno -spiegano- Come sapete, gia’ oggi molti servizi essenziali per disabili e anziani sono stati sospesi a causa della mancanza delle risorse destinate nei municipi. In questa drammatica situazione, a poche ore dalla discussione sulla delibera principale del bilancio di Roma Capitale, non abbiamo ancora la certezza di essere riusciti, con la denuncia di Riccardo Magi, consigliere Radicale eletto nella lista civica Marino, a interrompere la pratica della “manovra d’aula”, con cui i consiglieri distribuiscono fondi sui “propri” territori”. “Un obolo ragguardevole -aggiungono- che ha raggiunto l’ultima volta, secondo Sergio Rizzo del Corriere della Sera, le dimensioni di 15 milioni di euro. E’ cosi’ che da anni ogni consigliere puo’ continuare a finanziare il suo bacino elettorale, truccando di fatto il gioco democratico e impedendo, anche agli altri candidati dello stesso partito, una reale competizione elettorale”. “L’appello che vi rivolgiamo, in quanto prima forza politica di Roma e in quanto compagni democratici, e’ di aiutarci a dare seguito alla piu’ importante promessa del sindaco “cambiamo tutto!”, chiedendo innanzitutto ai vostri consiglieri comunali di non fare come l’orchestra sul Titanic, che continua a suonare mentre la nave va a sbattere -concludono- Interrompere l’ennesima prassi spartitoria di risorse pubbliche in seno alla politica comunale, regionale e nazionale e’ un dovere innanzitutto morale di chi voglia davvero dirsi democratico”. (ANSA). 04-DIC-13 18:50

  2. Omniroma- BILANCIO, RADICALI A PD: FERMARE MANOVRA D’AULA, MAGI RISCHIA ISOLAMENTO

    (OMNIROMA) Roma, 04 DIC – Lettera aperta ai consiglieri del Pd “per sostenere Riccardo Magi e fermare la manovra d’ aula in Campidoglio”. A scriverla Paolo
    Izzo, segretario di Radicali Roma, e Gionny D’ Anna, tesoriere di Radicali
    Roma: “Dopo anni in cui a Roma è stato difficile per il Consiglio comunale, e persino per il Parlamento, conoscere la reale entità del debito della
    Capitale e l’ attività della Gestione commissariale, nell’ aprile scorso il
    commissario Massimo Varazzani ha depositato una relazione in cui, oltre a
    registrare la riduzione del disavanzo di oltre 13 miliardi, ha indicato come
    necessario l’ aumento del contributo di almeno altri 200 milioni l’ anno. Come
    sapete, già oggi molti servizi essenziali per disabili e anziani sono stati
    sospesi a causa della mancanza delle risorse destinate nei municipi –
    affermano Izzo e D’ Anna – Una situazione di sfascio che impone di rompere una
    volta per tutte con i metodi e le logiche del passato. Toccherà pagare il
    conto ai romani, con un nuovo aumento dell’ Irpef, o a tutti gli Italiani, con
    un trasferimento del debito capitolino direttamente nel debito pubblico
    statale. In questa drammatica situazione, a poche ore dalla discussione sulla
    delibera principale del bilancio di Roma Capitale, non abbiamo ancora la
    certezza di essere riusciti, con la denuncia di Riccardo Magi, consigliere
    Radicale eletto nella lista civica Marino, a interrompere la pratica della
    ‘ manovra d’ aula’, con cui i consiglieri distribuiscono fondi sui ‘ propri’
    territori. Un obolo ragguardevole, che ha raggiunto l’ ultima volta, secondo
    Sergio Rizzo, le dimensioni di 15 milioni di euro. Le cifre in oggetto – come
    raccontano diverse testimonianze e lo stesso articolo sul Corriere della Sera
    – ‘ vengono raggruppate in un maxi-emendamento di giunta o di commissione
    Bilancio (i termini per la presentazione dei singoli consiglieri sono
    scaduti) e poi destinate attraverso gli assessorati’. È così che da anni
    ogni consigliere può continuare a finanziare il suo bacino elettorale,
    truccando di fatto il gioco democratico e impedendo, anche agli altri
    candidati dello stesso partito, una reale competizione elettorale. L’ appello
    che vi rivolgiamo, in quanto prima forza politica di Roma e in quanto
    compagni democratici, è di aiutarci a dare seguito alla più importante
    promessa del sindaco ‘ cambiamo tutto!’, chiedendo innanzitutto ai vostri
    consiglieri comunali di non fare come l’ orchestra sul Titanic, che continua a
    suonare mentre la nave va a sbattere”.
    “Su tutti i comuni e le regioni – proseguono Izzo e D’ Anna – si ripercuote la
    crisi nazionale, ma al contempo i comuni e le regioni, con la loro gestione,
    producono debito e crisi erogando servizi di un livello inaccettabile. Se
    quindi i consiglieri continueranno a utilizzare lo strumento della manovra
    d’ aula per finanziare attività – alcune magari anche lodevoli – a loro
    discrezione, sarà impossibile cambiare modo di fare politica ed evitare di
    portare il Comune e la città al naufragio. Ora Magi rischia l’ isolamento
    politico, nonché umano da parte di quei colleghi – certamente non tutti –
    più inclini al ‘ così fan tutti’. Interrompere l’ ennesima prassi spartitoria
    di risorse pubbliche in seno alla politica comunale, regionale e nazionale è
    un dovere innanzitutto morale di chi voglia davvero dirsi democratico,
    soprattutto nell’ attuale situazione di grave default economico e in un
    momento storico in cui le campagne elettorali e le dichiarazioni dei
    candidati alle cariche istituzionali sono ricolme di virtuosi richiami alla
    trasparenza, all’ onestà, alla legalità, per poi concretizzarsi in vecchie,
    sedimentate pratiche di malagestione del denaro pubblico e di
    autofinanziamento che negano questi principi. In molti vi risponderanno –
    come hanno già fatto – che è ‘ da sempre’ nelle loro prerogative di
    consiglieri comunali. È nelle vostre, nostre prerogative, chiedere che ci si
    renda conto della situazione e finalmente si cambi”.
    red

    041643 DIC 13

  3. Roma: Pd Campidoglio, no volonta’ spartitoria

    (vedi: Roma: Radicali a Pd Comune, ….delle 18:50)
    (ANSA) – ROMA, 4 DIC – “La manovra d’ aula e’ un provvedimento
    di bilancio utile a consentire agli eletti della citta’ di
    sostenere interventi nei quartieri di Roma con l’ unico obiettivo
    di migliorare ed arricchire l’ offerta dei servizi ai romani”,
    cosi’ il Pd del Campidoglio replica all’ appello dei Radicali di
    rinunciare alla manovra d’ aula.
    “Si tratta di un’ azione legittima e trasparente nelle
    disponibilita’ del Consiglio o della Giunta, messa in atto da una
    politica sana che non ha nulla a che vedere con pratiche odiose,
    osservate altrove, e che hanno contribuito ad alimentare una
    deriva anti-politica che noi vogliamo contrastare recuperando le
    buone prassi della democrazia -spiegano- Non c’ e’ nessun trucco,
    nessuna attivita’ spartitoria. C’ e’ solo un’ ostinata volonta’ di
    tornare a dare alla nostra citta’ un governo forte in cui i
    consiglieri che hanno ricevuto il mandato dagli elettori siano
    messi nelle condizioni di esprimere un loro sano protagonismo”.
    “Se davvero si vuole sostenere, insieme, la spinta
    all’ innovazione ed alla trasparenza e contrastare la politica
    corrotta e lontana dai bisogni della citta’, dobbiamo ricercare
    quel dialogo preventivo che ci consenta di individuare obiettivi
    condivisi senza piu’ fughe in avanti di un facile populismo, che
    noi, prima forza della citta’, non possiamo praticare
    -concludono- Non e’ attaccando le prerogative del Consiglio che
    si fa un servizio alla buona politica e al gioco democratico”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...