PROTESTA CIE ROMA: INTRODURRE REATO DI TORTURA E CHIUDERE SUBITO PONTE GALERIA

cie-ponte-galeria-1Dichiarazione di Paolo Izzo,
Segretario dell’associazione Radicali Roma

La notizia che altri tredici migranti abbiano deciso di cucirsi la bocca all’interno del Cie di Ponte Galeria a Roma, ripetendo un estremo gesto di protesta già avvenuto solo un mese fa, deve far tornare a riflettere le istituzioni sull’introduzione del reato di tortura nel nostro ordinamento. Anche quella che i tredici nordafricani, incolpevoli di alcun reato e in attesa dell’autorizzazione all’asilo politico, si sono oggi come ieri autoinflitti, impedendosi di parlare e di nutrirsi con questa sconvolgente azione, è ravvisabile come una forma di tortura da parte dello Stato, che dovrebbe invece vigilare e impedire quelle che sono mere conseguenze dei propri abusi e delle proprie negligenze. Inoltre, anche a Roma, per l’inadempienza dei responsabili della struttura e per le condizioni inumane e degradanti in cui si trovano i suoi cosiddetti ospiti, sarebbe opportuno che i partiti della maggioranza in Campidoglio presentassero urgentemente una mozione per chiedere al governo l’immediata chiusura del Centro di identificazione ed espulsione di Ponte Galeria, esattamente come di recente è stato fatto da Sel e Pd al Consiglio comunale di Torino, contro il Cie di corso Brunelleschi, analogo a quello romano per le torture che vengono inflitte ai migranti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...