KNews – Giardini Marco Pannella: Paolo Izzo dei Radicali oggi è in sciopero della fame!

marco-pannella-1-640x426

Giardini Marco Pannella, ultime news. Continuano i digiuni di iscritti al Partito Radicale, e si allarga il fronte di chi chiede una risposta di Sala al voto, di oramai più di 6 mesi fa, del Consiglio Comunale sui Giardini Pannella. I Radicali di Milano stanno digiunando per sollecitare una risposta del Sindaco di Milano alla richiesta, votata dal Consiglio Comunale, di derogare alla norma che prevede la possibilità di intitolare un bene pubblico a personalità solo dopo 10 anni dalla loro scomparsa.

Nella fattispecie, la deroga riguarda la possibilità di poter intitolare i giardini di Piazza Aquileia, davanti al carcere di San Vittore, a Marco Pannella. Dopo vari e diversi pareri di componenti della Giunta e dello stesso Sindaco Sala, sulla deroga alla norma, non è ancora arrivata una risposta ufficiale. Alla morte di Pannella, infatti, la Comunità Ebraica Milanese ha proposto di dedicargli i giardini di Piazza Aquileia subito l’attenzione è andata al vicino Carcere di San Vittore, memori di tante battaglie per la giustizia giusta del leader radicale e dei militanti radicali.

I Giardini in memoria di Marco Pannella

In molti hanno chiesto al Sindaco Sala di attivarsi per chiedere una deroga anche per il leader radicale, come del resto ha fatto il Consiglio Comunale quasi all’unanimità il 22 settembre scorso. Intanto, vari iscritti al Partito Radicale Nonviolento transpartito transnazionale insieme ad altri cittadini da quasi 2 mesi si alternano in digiuni per avere una decisione definitiva di Sala. Oggi sabato digiuna lo scrittore e giornalista Paolo Izzo, per sollecitare la risposta di Sala e sostenere la richiesta di deroga alla norma che impedisce di intitolare luoghi pubblici a personalità scomparse da meno di 10 anni, che sarebbe il modo migliore di iniziare il mese di iniziative in ricordo di Pannella.

Paolo Izzo esponente dei Radicali oggi in sciopero della fame

Dichiara Izzo in una nota: «Con quesiti e orari semplici, quasi marzulliani, da mezzanotte di oggi fino alla stessa ora di sabato, digiunerò affinché il Consiglio comunale di Milano e il Sindaco Beppe Sala si diano una risposta a una domanda che si sono posti a suo tempo. Come ho appena scritto alla edizione milanese del Corriere della Sera, che già diede spazio a me e a Gianni N Rubagotti a fine gennaio scorso, ben nove mesi fa al Comune di Milano è stata depositata una mozione a prima firma Elena Buscemi (Pd), che chiedeva per Marco Pannella una deroga alla norma che impedisce di intitolare luoghi pubblici a personalità scomparse da meno di 10 anni».

«Votata alla quasi unanimità a settembre 2016, la mozione indicava i giardini di piazza Aquileia, confinanti con il carcere di San Vittore e vicini a dove – ai primi dell’Ottocento – sorgeva il più antico cimitero ebraico milanese, come il posto giusto per ricordare il leader radicale. Da allora a livello istituzionale solo rimbalzi di palla e frasi a mezza bocca e a mezzo stampa, ma nessuna risposta ufficiale, né in Aula consiliare né in Giunta, nonostante ulteriori due lettere aperte al sindaco Beppe Sala da parte di militanti del Partito Radicale e della associazione radicale “Myriam Cazzavillan”, volte ad avere un chiaro sì o no. Da qualche settimana abbiamo ripreso a invocare quella risposta semplice e personalmente questo sabato digiunerò prendendo il testimone di altri radicali che sono impegnati nella staffetta nonviolenta: dopo nove mesi, il Comune di Milano riuscirà a partorire finalmente una decisione che riguarda se stesso?», così conclude lo scrittore e Radicale Paolo Izzo.

Articolo di Francesca Donnarumma de Luca
(link alla pagina originale)

La Giustizia risorga a Pasqua

libero110417

gazzetta090417

manifesto060417

secoloxix060417

Da questa lettera, ampiamente citata nelle rassegne stampa di Radio Radicale da Massimo Bordin e Marco Cappato, sono stati tratti anche articoli di Francesca Donnarumma de Luca rispettivamente su ContattoNews.it e su KNews.it, nonché una conversazione con Flavia Fratello sempre su Radio Radicale. L’agenzia di stampa Agenpress, dava la notizia già il 5 aprile scorso.